Mozambico

Progetto Quelimane

ASSF – COOP. “PROMOVER O HOMEN”

Promuovere lo sviluppo locale attraverso l’autonomia e l’organizzazione

Premessa

La cooperativa sociale ONLUS “Promover o homen” di Quelimane, Mozambico, ha chiesto all’Associazione “Assistenti Sociali Senza Frontiere” (ASSF) una collaborazione finalizzata alla formazione degli operatori locali, referenti dei vari progetti dei quali si compone la cooperativa, al fine di implementarne l’efficacia e l’efficienza del loro lavoro.
Le attività presenti nella cooperativa sono:
– una scuola primaria a ciclo completo (dalla prima alla settima classe);
– una scuola superiore professionale;
– una mensa per i poveri;
– una casa famiglia per minori di strada;
– una scuola materna per i figli dei poveri;
– un centro occupazionale per donne disabili;
– un progetto agricoltura;
– un progetto per la corretta alimentazione per i minori mal nutriti dal bairro.

Obiettivi generali

L’obiettivo della presenza dell’Associazione Assistenti Sociali Senza Frontiere in Quelimane è quello di supportare la cooperativa sociale ONLUS “Promover o homen” nella sua organizzazione, programmazione e operatività, con l’obiettivo di rendere autonomi ed indipendenti gli operatori mozambicani in modo tale che via sia in città un esempio di struttura socio- assistenziale efficace ed efficiente in gestione alla popolazione locale.

Obiettivi specifici

Gli obiettivi specifici si riferiscono a tre ambiti:

a) formazione e supporto degli operatori nelle attività ordinarie: vi è la necessità di affiancare gli operatori locali in un percorso di costruzione di strumenti di lavoro studiati ad hoc e condivisi.
b) gestione della cooperativa: si rende necessario, data la dimensione della cooperativa e del numero di attività e lavoratori, che sia creato, assieme ai referenti dei progetti ed in particolare con la direttrice della coop, un metodo di lavoro standardizzato che preveda sistematicamente riunioni d’équipe e di verifica con particolare attenzione ai sistemi di comunicazione.
c) formazione dei responsabili dei singoli progetti: le aeree di maggior attinenza con il servizio sociale e la tutela delle fasce deboli necessita di supporto sia per la costruzione di progetti personalizzati sia per attivare sistemi di verifica.

Modalità Operative

Il progetto prevede la presenza di n. 2 assistenti sociali per un periodo di 3-4 settimane che si susseguono, a turni regolari, ad altri due professionisti; si ritiene di lasciare poi dei tempi di “decantazione” e verifica nei quali gli operatori della cooperativa vengono gradualmente lasciati soli a continuare i percorsi intrapresi con la collaborazione e l’accompagnamento dei professionisti italiani.